thoughts · women in architecture

Profit Vs. Social Interest

In the past few months I decided to go back to the amusing activity of reading novels, trying not to feel guilty about engaging with words which are not strictly academic. With my immense surprise I noticed that my research was following me anyway, through books that I didn’t even personally chose but have been recommended for other reasons. I didn’t expect at all that the main character of Gioconda Belli’s novel, The Inhabited Woman (1988), would have been an architect. A female architect struggling with sexist attitudes, social class issues and revolution: basically if my research could be a book, it would be this one. I don’t want to spoiler the book too much, but at the same time I want to offer a bit of the context in order to make you curious enough to read this fascinating story. Lavinia is a middle class architect moving back from Europe, where she was studying, to a not specified Latin American Country governed by a cruel dictator. Since the first few pages it’s clear her discomfort of living a wealthy existence in a very poor country, condition highlighted since her first day of work, during an inspection on the construction site of the Shopping Mall her practice was designing. This would mean to evacuate at least 5000 people, without even offering them another living solution. She tells her boss (my translation from the Italian version of the book): “… of course I care about those poor people. I don’t like the idea of starting the “procedure” of designing constructions which will evacuate five thousand of souls, like priests say”. And her boss placidly replies: “I think it would be good for you to lose some of your romantic ideas about architecture”.

Architecture practice has always been characterised by this dualist vision of the profession: business driven vs. interested in fostering social interests. We don’t have to dig much in history to remember the student riots (in Italy the famous riots of Valle Giulia in Rome in 1968, where the students merged their energies with workers to demand for fairer working conditions) or the creation in the 60s of radical collectives all over Europe. Radical collectives (to cite some: Superstudio and Archizoom from Italy, and Archigram and Matrix from the UK) were interested in challenging the profit driven practice of designing buildings which were changing the aspect of the cities although failing to address a broader plan of urban change. More broadly, these groups were mainly interested in challenging the traditional architecture language, often with deliberately utopian and dystopian projects, fostering a change of focus of the general architectural practice to social housing and increase of  living conditions. However some of these groups, analysed in the contemporary understanding of urbanisation and technology, show many contradictions, such as the confidence in the endless availability of natural resources, the lack of understanding of the power and control embedded in technology, and the consumerist approach of some of their projects.

lady framed
Illustration by the Graphic Designer and Illustrator Angie Noviello, you can see more works on her Instagram.

The second book I recently read is the feminist dystopian novel Herland (1979), by Charlotte Perkins Gilman. Other than being a hilarious book it also remotely covers a traditional gendered architectural debate: would the aspect of our buildings and cities look different if were the women to establish the norm of the practice? The author seems to support this idea, however – sadly – in a stereotypical way. The narrating voice of one of the three men approaching for the first time a country inhabited for two thousand years only by women, describes the environment in these terms: “… the clean, well-built roads, to the attractive architecture, to the ordered beauty of the little town” (page 11 of The Women’s Press 1994 edition).

“I was astonished myself. You see, I come from California, and there’s no country lovelier, but when it comes to towns! I have often groaned at home to see the offensive mess man made in the face of nature, even though I’m no art sharp, like Jeff. But this place! It was built mostly of a sort of dull rose-colored stone, with here and there some clear white houses; and it lay abroad among the green groves and gardens like a broken rosary of pink coral. “Those big white ones are public buildings evidently,” Terry declared. “This is no savage country, my friend. But no men? Boys, it behooves us to go forward most politely.”
The place had an odd look, more impressive as we approached. “It’s like an exposition.” “It’s too pretty to be true.” “Plenty of palaces, but where are the homes?” “Oh there are little ones enough—but—.” It certainly was different from any towns we had ever seen. “There’s no dirt,” said Jeff suddenly. “There’s no smoke,” he added after a little. “There’s no noise,” I offered […] Everything was beauty, order, perfect cleanness, and the pleasantest sense of home over it all. As we neared the center of the town the houses stood thicker, ran together as it were, grew into rambling palaces grouped among parks and open squares, something as college buildings stand in their quiet greens.”  

So not much challenging of the aspect of towns in the 70s, only cleaner and tidier ones. I mean, the author invented a visionary but convincing alternative to procreation, odd looking but more functional clothes, but couldn’t think of a completely different spatial organisation of buildings and towns? Maybe this is a limited criticism of this aspect of the story, but at least I got a reason to talk about this book. Funny curiosity: in Herland the only animals present are cats, who have been trained not to hunt birds!

herland
A book about a land inhabited exclusively by women… and the most used word is the name of the male villain? Image from here.

But what is the merging point for all these topics I covered so far? In many of the interviews I recently carried out for my study I noticed a different approach to architecture practice between women and men. Starting from the premise that this account is not trying to be more than a simple generalisation, men architect’s aspirations, objectives and challenges seems to be more business driven compared to women’s. This attitude probably stems directly from the Star Architect system around which the profession has been developed from centuries: an extreme individualism aimed at gathering personal recognition and prestige through awards and billionaire commissions. On the other hand, women architects’ interests seem to lie more on social interest and attention to the environment. This is also reflected in the opposite working settings preferred by the two categories: big practices which are based on specialisation and expertise and which aim is chasing big private projects (mainly abroad in order to increase the practice’s visibility) – for men; against smaller practices involved in small local projects, often linked to education or social housing, and engaged in community project mainly based on voluntary work – for women. Another key difference is the working patterns: full vs. part-time employment… but this aspect opens a totally new chapter, which I will analyse in another post.

The initial thought which arose from these considerations (and confirmations from the architects I got chance to talk with) is that women seem to be more interested in social benefit, even in planning, and less in the profit. But this idea undoubtedly leads to a questionable biological determinism: are women caring human beings whereas men are just cruel profit seekers? Somehow, but put in less grotesque terms, this is actually what happens in growing up in Western societies – so more than biological determinism this could be read as social determinism. Because women are socialised during their upbringing to be caring souls. And this also happens in architecture precisely because of the intrinsic characteristics of the profession itself: individualism and Star Architect system is build around men and benefits them. Therefore women are maybe more likely to be interested in challenging the status quo. For decades what women mainly did was trying to fit in the current definition of “architect”, but probably disrupting it and offering new practices and identities could be the final solution to challenge and reduce the gender gap in architecture.

PS. As you may have noticed, my English in this post is not spot-on. I decided that, being this a reflexive blog rather than an academic journal, I could concede myself to be less concerned about the accuracy of my acquired language. I really hope this will not offend or annoy anyone, because it’s extremely liberating for me. Thank you.


Profitto Vs. Interesse sociale

Negli ultimi mesi ho deciso di tornare all’abitudine di leggere romanzi nel tempo libero, cercando di tenere lontano quel leggero senso di colpa di interagire con parole scritte che non fossero di natura strettamente accademica. E con immensa sorpresa ho notato che la mia ricerca mi stava seguendo ugualmente! Per di più attraverso libri che non avevo nemmeno scelto personalmente, ma che mi erano stati consigliati per altre ragioni. Non mi sarei mai aspettata che la protagonista del romanzo di Gioconda Belli, La donna abitata (1988), potesse essere un’architetta (senza entrare nel dibattito sulla parola architetta o architetto, la traduttrice Margherita D’Amico nel 2011 aveva già usato l’espressione architetta nel libro). Un’architetta che deve combattere con atteggiamenti sessisti, classe sociale e rivoluzione: praticamente se la mia ricerca fosse un libro, sarebbe questo. Non voglio entrare troppo nei particolari, però allo stesso tempo voglio descrivere parte del contesto per incuriosirvi al punto di voler leggere questa storia affascinante e coinvolgente. Lavinia è un’architetta benestante appena tornata dall’Europa, dove ha studiato architettura, in un Paese Latinoamericano non ben specificato, governato da un dittatore sanguinario. Fin dalle prime pagine si percepisce chiaramente il suo disagio di vivere da persona abbiente in un paese molto povero, situazione evidenziata fin dal primo giorno di lavoro in cui deve condurre un sopralluogo nel sito di futura costruzione di un centro commerciale che il suo studio stava progettando. Lavinia si è subito resa conto che questo avrebbe significato sgomberare almeno 5000 persone, senza nemmeno offrire loro una situazione abitativa alternativa. A quel punto dice al suo capo: “… certo che mi interessa di quelle povere persone. Non mi piace l’idea di iniziare la procedura di progettare costruzioni che cacceranno cinquemila anime, come direbbero i preti”. Al che il suo capo risponde placidamente: “Credo che sarebbe bene per te perdere alcune delle tue idee romantiche sull’architettura”.

La pratica architettonica e’ sempre stata caratterizzata da questa visione dualista della professione: la ricerca di profitto contro la spinta a favorire interessi sociali. Non c’è nemmeno bisogno di scavare troppo nella storia per ricordare i moti studenteschi (per esempio i famosi moti di Valle Giulia nel ‘68 a Roma, dove gli studenti hanno unito le loro energie con quelle degli operai per chiedere condizioni di lavoro più eque) o la creazione di collettivi radicali in tutta Europa negli anni ‘60. I collettivi radicali (per citarne alcuni, Superstudio e Archizoom in Italia o Archigram e Matrix in Gran Bretagna) erano interessati a sfidare la pratica comune di progettare, per puro guadagno, edifici che stavano cambiando l’aspetto delle città senza però considerare un piano più ampio di cambiamento urbano. Più in generale, questi gruppi erano principalmente interessati a sfidare il linguaggio architettonico tradizionale, spesso attraverso progetti deliberatamente utopici e distopici, con l’intento ultimo di favorire un cambiamento di direzione della professione architettonica corrente verso un aumento della qualità abitativa. Tuttavia bisogna considerare che alcuni di questi gruppi, analizzati nella concezione contemporanea di urbanizzazione e tecnologia, possono mostrare alcune contraddizioni. Come, ad esempio, la fiducia nell’infinitezza delle risorse naturali, la difficoltà di considerare il concetto di potere e controllo che si è dimostrato essere parte integrante della tecnologia, e l’approccio consumistico di alcuni dei loro progetti.

lady framed
Illustrazione della Graphic Designer e Illustratrice Angie Noviello, potete trovare i suoi lavori sul suo Instagram.

Il secondo libro che mi è capitato di leggere ultimamente e’ il romanzo distopico femminista Terradilei (1979), di Charlotte Perkins Gilman. Oltre ad essere un libro molto divertente, esso affronta da lontano un classico dibattito architettonico: l’aspetto dei nostri edifici e delle città sarebbe diverso se le donne avessero stabilito la norma? L’autrice sembra supportare questa idea anche se, purtroppo, in un modo stereotipato. La voce narrante di uno dei tre uomini che arrivano per la prima volta nella terra abitata esclusivamente da donne da almeno duemila anni, descrive l’ambiente in questi termini: “… dalle strade pulite e ben costruite, all’architettura attraente, all’ordinata bellezza della piccola cittadina” (mia traduzione dall’inglese della pagina 11 dell’edizione del 1994 della Women’s Press).

“Ero meravigliato. Vedete, vengo dalla California, e non c’è campagna più deliziosa, ma quando si tratta di citta’! Mi sono spesso lamentato a casa nel vedere il disordine offensivo che gli uomini hanno fatto in barba alla natura, anche senza essere ferrato in arte, come invece lo era Jeff. Ma questo posto! Era principalmente costruito con una specie di roccia di color rosa tenue, con alcune case bianco chiaro qui e li’; e si dispiegava ampiamente lungo le piantagioni e i giardini verdi come un rosario di corallo rosa spezzato. “Quelli grandi e bianchi sono evidentemente degli edifici pubblici”, disse Terry. “Questo non è un paese selvaggio, amico mio. Ma nessun uomo? Ragazzi, e’ necessario procedere molto cautamente”. Il posto aveva un aspetto bizzarro, sempre più incredibile man mano che avanzavamo. “Sembra un’esposizione.” “E’ troppo carino per essere vero.” “Pieno di palazzi, ma dove sono le case?” Era decisamente diversa da ogni altra città che avessimo mai visto. “Non c’è sporcizia,” disse Jeff all’improvviso. “Non c’è fumo,” aggiunse poco dopo. “Non c’e’ rumore,” dissi io […] Tutto era bellezza, ordine, perfetta pulizia, e soprattutto il piacevole senso di casa. Man mano che ci avvicinavamo al centro della città le case si facevano più dense, correvano insieme, si espandevano dentro palazzi di forma irregolare raggruppati intorno a parchi e piazze, qualcosa di simile a scuole che riposavano nel verde silenzioso.“

Non è messo di certo in dubbio l’aspetto delle città degli anni ‘70, sono le stesse, semplicemente più pulite ed ordinate. L’autrice è stata in grado di inventare delle visionarie ma convincenti alternative al metodo di procreazione, vestiti più funzionali e dall’aspetto bizzarro… ma non è riuscita a pensare ad un’organizzazione spaziale di edifici e città radicalmente diversa da quella in uso? Mi rendo conto che questo criticismo verso questo specifico aspetto della storia sia limitato, però almeno mi ha dato la possibilità di parlare del romanzo. Simpatica curiosità: in Herland gli unici animali presenti sono i gatti, i quali sono stati addestrati a non cacciare gli uccelli!

herland
Un libro che parla di una terra abitata da sole donne… e la parola più utilizzata è il nome dell’uomo antagonista? Immagine presa qui.

Ma qual è il punto d’incontro di tutti questi temi di cui ho parlato finora? In molte delle interviste che ho condotto recentemente per la mia ricerca, ho notato che le donne sembrano avere un approccio diverso all’architettura rispetto agli uomini. Preciso immediatamente che questo pensiero non vuole essere nient’altro che una banale generalizzazione, ma mi e’ sembrato che le aspirazioni, gli obiettivi e le difficoltà degli architetti uomini siano più guidati dall’idea di profitto rispetto a quelli delle donne.  Probabilmente quest’attitudine deriva direttamente dal sistema di Archistar intorno al quale la professione e’ stata sviluppata da centinaia di anni: un individualismo estremo mirato ad ottenere riconoscimento personale e prestigio attraverso premi e commissioni milionarie. Al contrario, gli interessi delle architette sembrano risiedere più sull’interesse sociale e l’attenzione all’ambiente. Questo si riflette anche nelle preferenze delle due categorie per quanto riguarda la sistemazione lavorativa: grandi studi che si basano sulla specializzazione e la settorializzazione, che cercano grandi progetti privati, e che lavorano anche all’estero per aumentare la visibilità dello studio – questo per quanto riguarda gli architetti uomini; mentre per le donne sembra essere più importante lavorare in studi più piccoli interessati a piccoli progetti locali, che spesso hanno a che fare con l’educazione o l’edilizia popolare, e che coinvolgono progetti comunitari, spesso eseguiti in modo volontario e non retribuito. Un’altra differenza chiave risiede nella modalità di lavoro: lavoro a tempo pieno oppure part-time… ma questo aspetto apre un importante nuovo capitolo che affronterò in un altro post.

La prima osservazione che scaturisce da queste considerazioni (e conferme da parte delle architette con cui ho avuto la possibilità di discutere finora) e’ che le donne sembrano essere più interessate al benessere comune, anche a livello progettuale, e meno al profitto. Ma questa idea porterebbe indubbiamente ad un discutibile determinismo biologico: le donne sono degli esseri per cui prendersi cura degli altri e’ innato, mentre gli uomini sono solo degli spietati ricercatori di profitto? In qualche modo, messo in termini meno grotteschi, questo e’ esattamente quello che accade crescendo in una società occidentale. Quindi più che determinismo biologico questo si potrebbe considerare come determinismo sociale. Perché le donne vengono “socializzate” durante la loro crescita in modo da diventare delle anime premurose e amorevoli. E questo succede anche in architettura proprio per le caratteristiche intrinseche della professione stessa: individualismo e sistema basato sugli Archistar sono costruiti intorno agli uomini, e questo inevitabilmente li avvantaggia. Per questo forse le donne sono più interessate a mettere in discussione lo status quo. Per centinaia di anni quello che hanno fatto principalmente le donne e’ stato di cercare di assomigliare alla definizione corrente di “architetto”, ma soltanto mettendolo in discussione e offrendo nuove possibili alternative di azione e identità si può arrivare a fronteggiare e ridurre il divario di genere in architettura.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s